Il sindaco di Catania Enzo Bianco ha approfittato di un sopralluogo durante i lavori di riqualificazione della piazza Angelo Maiorana per incontrare i rappresentanti dei cittadini di quella zona del centro storico.

“Ho ricevuto – ha detto - da residenti e commercianti interessanti proposte per intervenire efficacemente su alcuni problemi di quest’area”.

All’incontro erano presenti anche il presidente della Municipalità Salvo Romano, il capo di Gabinetto Beppe Spampinato e Giovanni Giacalone, presidente della Catania Multiservizi. Quest’ultima ha effettuato i lavori di riqualificazione a cominciare dalla potatura degli alberi, una delle richieste più pressanti presentate negli ultimi tempi da residenti e commercianti:  il fogliame impediva alla luce dei lampioni di filtrare lasciando al buio la piazza con gli immaginabili problemi di sicurezza.

Per la riqualificazione sono stati impiegati dodici operai con un cestello con braccio meccanico per le potature, un biotrituratore per ridurre i rami in fertilizzante e diverse attrezzature meccaniche per eseguire le operazioni di manutenzione.

Per la potatura, la dirigente del Servizio Verde, Lara Riguccio, ha disposto un alleggerimento delle chiome, ancora possibile vista la stagione, e l’eliminazione del secco, che poteva causare crolli di rami.

Gli interventi sono stati effettuati su sei grandi ficus, quattro palme (due brahea e due washingtonia), due alberi di jacaranda, un ligustro, e un cercis  o albero di Giuda, oltre a una decina di oleandri.  La ripulitura, oltre a rendere la piazza più fruibile e sicura, ha consentito di mettere meglio in mostra il monumento in bronzo al poeta Giovanni Formisano, autore di “E vui durmiti ancora”.

Gli operai della Multiservizi hanno infine riverniciato le panchine, sistemato la fontanella dell’acqua potabile ed effettuato una pulizia generale della piazza. 

18.04.2017

 

Catania Rinasce
Ridurre il quantitativo globale dei rifiuti conferiti in discarica dalla comunità cittadina privilegiando, nel contempo il recupero dei materiali riciclabili, attraverso l'innalzamento del livello della raccolta differenziata tale da tendere al raggiungimento degli obiettivi e percentuali di raccolta fissati dal D.Lgs.152/2006.